Occitania - Poesia di Giacomo Bellone

Occitània
Autore
Giacomo Bellone
Progetto realizzato da
Chambra d'Òc
Argomento
Letteratura, poesia e leggende

Tratto da "Giacomo Bellone – Poesie": raccolta di 12 poesie in lingua occitana della Valle Vermenagna (Limone Piemonte) con audio letture dell'autore in lingua occitana e testi bilingue italino-occitano in grafia classica e scaricabili in grafia originale http://www.chambradoc.it/giacomoBellone.page

Occitania

Povera madre
vecchia come una baita
piena di ortiche,
gli occhi asciutti
come un torrente senz'acqua,
i seni vuoti
come uno zaino senza pane.

I seni vuoti
senza latte per i tuoi figli
che scendono in pianura
per un pezzo di companatico
e quelli che restano
si spezzano la schiena
per un sacco di patate.
Occitania, povera madre,
le tue figlie più belle,
Vermenagna, Stura, Maira
Varaita e tutte le altre
vendute come vacche da mungere
da quelli che mai sono andati al pascolo,
da quelli a cui la zappa
non ha mai martoriato le mani.
Povera vecchia madre,
quanti tuoi figli
ci saranno ancora
a vegliare l'ultima tua notte?

Traduzione

Paura maire
velha ‘scó un chabòt
plen d'ortias,
lhi uelhs secs
'scó un valon sens aiga,
l'estòmi vuet
'scó un zaino sensa pan.

L'estòmi vuet
sensa lach per lhi tiei filhs
que calon en planura
per un tòc de companatge
e a quilh que reston
ilh s'escranchon l'eschina
per una brisacaa de tartífolas.
Occitània, paura maire,
las tuas filhas pus bèlas, Vermenanha, Estura, Maira, Varaita e tutas las autras venduas 'scó de vachas da móser
da quilh qu'ilh son mai anats en pastura,
da quilh que la sapa
ilh lhi a mai fach mal a las mans.
Paura velha maire,
quanti tiei filhs
la lhi serè a passar-te
la darrera tua nuech?