Breve storia delle terre d'oc

Autore
Chambra d'Oc
Titolo in lingua
Pichòta istòria de las tèrras d'òc
Tipologia testo
dispense
Argomento
Storia e cultura
Progetto realizzato da
Chambra d'Òc

Fin dal Paleolitico è attestata una forte presenza umana in Occitania, in particolar modo in Aquitania, sulle rive della Dordogna, terra del celebre "Uomo di Cro-Magnon" e delle grotte di Lascaux dalle splendide incisioni rupestri.
Ma la storia occitana è anche la storia dei Romani che portano in queste terre, abitate da Celti, Iberi, Liguri e Greci, la propria lingua e la propria cultura.
È la storia dei cristiani, ma anche quella di ebrei, catari, valdesi, ugonotti e calvinisti. È quella di invasori barbari come Vandali e Alamanni, e di conquistatori civili come Visigoti, Franchi e Inglesi.
È storia di resistenza, di Saraceni e crociati, di rivolte e occupazioni.
L'Occitania è la terra dei regni, delle repubbliche, ma soprattutto delle città organizzate come piccole polis, raramente soggette al sistema feudale.
In luogo dei feudi vi sono gli allodi, terre non soggette a proprietà feudale, che consentono l'esistenza di uomini liberi, svincolati dai rapporti vassallo-signore.
Tutto ciò porta alla nascita di una cultura originale e di una civiltà, quella d'oc, che ha nell'arte romanica e nella letteratura dei trovatori i suoi risultati più brillanti.
È un paese la cui civiltà, nell'età d'oro della sua indipendenza, influenza tutta l'Europa, e che ha saputo essere cosmopolita, facendo propri e mai disprezzando gli apporti culturali dei popoli con cui, pacificamente o no, è venuta a contatto.

Cronologia del periodo fondamentale della storia occitana
Il Papa Innocenzo III, sostenitore della supremazia della chiesa nella società, non può tollerare lo sviluppo della chiesa catara in Languedoc, e promette le ricche terre dei nobili occitani ai baroni del nord affinchè si facciano crociati. Capo della crociata è Simone di Monfort.
▶ 1209 presa di Béziers, possedimento del Conte Raimon Roger Trencavel, vassallo del re di Aragona; tutta la popolazione della città, circa 7000 abitanti, è passata a fil di spada, anche chi si era rifugiato nelle chiese. 
Si narra che il legato pontificio, alla domanda "come possiamo distinguere i cristiani veri dagli eretici?" abbia risposto "Uccideteli tutti! Dio riconoscerà i suoi!". La lista dei Catari di Béziers elencava 220 persone.
▶ 1209 - 1213 presa di Carcassone e di molti altri paesi del Languedoc, spesso dopo lunghi assedi che terminano in genere con roghi dei catari che non rinnegano la loro fede. 
I nobili occitani sono dichiarati faidits, cioè banditi dai loro possedimenti.
▶ gennaio 1213, Raimondo VI di Tolosa, di fronte alla minaccia sulle sue terre, si sottomette al re Pietro II d'Aragona, dando origine ad uno stato che riunisce gran parte dei paesi di lingua d'oc.
▶ settembre 1213 l'esercito occitano-catalano, pur se molto superiore di numero ai crociati, viene sconfitto a Muret in Guascogna, e lo stesso re d'Aragona muore in battaglia. Il conte di Tolosa si esilia in Inghilterra.
▶ 1216 - 1224 Raimondo VII, conte legittimo di Tolosa, sbarca a Marsiglia e riprende il combattimento, sostenuto dalla popolazione del paese: mentre è assediato da Monfort a Beaucaire in Provenza, la popolazione di Tolosa si rivolta e libera la città. Nel successivo assedio di Tolosa (1218) lo stesso Monfort perde la vita e dopo alcuni anni di battaglie l'intera contea è liberata.
▶ 1226 crociata del re di Francia: Luigi VIII invade il paese con successo conquistando Carcassone e Avignon, scaccia di nuovo i nobili occitani dalle loro terre senza però riuscire a sottomettere Tolosa.
▶ 1229 trattato di Meaux: il conte di Tolosa perde i 2/3 della sua contea, deve sposare la sua unica figlia con il figlio del re di Francia e si impegna a combattere i catari. L'eresia catara è però ancora viva e si organizza in remoti castelli sui picchi dei Pirenei.
▶ 1229 - 1252 con lo scopo di perseguire gli eretici viene creata in Occitania l'inquisizione; falliscono le ultime rivolte dei nobili occitani, tra cui una del conte di Tolosa che si allea con Guasconi e Aragonesi. Dopo l'assassinio degli inquisitori ad Avignonet nel 1241, il re decide di porre fine definitivamente all'eresia e assedia i castelli uno per uno. Nel 1243 inizia l'assedio della roccaforte catara di Montsegur, sede principale della loro chiesa, che dopo 10 mesi è costretta ad arrendersi (16 marzo 1244): nessun perfetto rinnega la propria fede e in 220 vengono bruciati nel "prat dels cremats". L'ultimo castello ad arrendersi sarà Queribus, nel 1254. 
▶ Nel 1292 la contea di Tolosa è ufficialmente annessa alla Francia.

Le conseguenze di questo lungo periodo di guerre (1209 - 1244) sono:
▶ l'aumento del potere temporale e spirituale della Chiesa nel Languedoc;
▶ la scomparsa del catarismo all'inizio del XIV secolo;
▶ l'ampliamento dei domini diretti dal re di Francia e quindi aumento del potere reale
▶ perdita dell'autonomia dei paesi d'òc, che entrano nell'orbita dello stato francese: la loro storia da qui in poi sarà quella di una parte dello stato francese
▶ inizio della decadenza della civiltà occitana (la lingua, la letteratura, le arti ...) con l'imporsi dei modelli della corte di Parigi
▶ perdita dei legami che univano la Catalogna all'Occitania.

Traduzione

Fins dal Paleolític, en Occitània, lhi a na fòrta presença umana, en particolar en Aquitània, sus las ribas de la Dordonha, tèrra del famós "Òme de Cro-Magnon" e de las balmas de Lascaux bo de formidablas incisions sus ròcha.
Mas l'istòria occitana es decò l'istòria di Romans que pòrton lor lenga e lor cultura dins aquestas tèrras, ocupaas da Cèlts, Ibérics, Lígurs e Grècs.
Es l'istòria di cristians, mas decò aquela de ebrèus, catars, valdés, uganauds e calvinistas.
Es aquela d'invasors bàrbars coma Vàndals e Alamans, e de conquistadors civils coma Visigòts, Francs e Anglés.
Es istòria de resistença. de sarasins e crosats, de revòltas e ocupacions.
L'Occitània es la tèrra di renhs, de las repúblicas, mas sobretot de las vilas organizaas coma pichòtas polis, esquasi mai sot lo sistèma feudal.
Al pòst di feuds lhi a lhi allodi, tèrras que son pas de proprietat feudala e que permeton l'existença d'òmes libres dai rapòrts vassal-senhori.
Tot aquò pòrta a la naissença d'una cultura originala e d'una civiltat, aquela d'òc, que a dins l'art romànica e dins la literatura di trobadors las sias miras mai autas.
Es un país que bo sa civiltat, dins lo temp d'òr de son indipendença, influença tota Euròpa, e que a sabut èsser cosmopolita, en fasent siei, sensa mai lhi mespresear, lhi contributs culturals di pòples que, pacificament o non, a trobats per sa via.

Cronologia del temp fondamental de l'istòria occitana
Lo Papa Innocenci III, sostenitor de la dominacion dela gleisa dins la societat, pòl pas soportar l'eslarjament de la gleisa càtara en Lengadòc, e promet las richas tèrras di nòbles occitans ai barons del nòrd en chambi de na crosada comandaa da Simon de Monfòrt.
  ▶  1209 conquista de Besièrs, territòri del conte Raimond Roger Trencavèl, vassal del rei d'Aragona ; tota la populacion de la vila, a pauc près 7000 personas, ven amaçaa, decò aquilhi qu'avion cerchat refugi dins las gleisas. 
Se contia que lo representant del Papa, a la question "coma fasem a triar lhi cristians da lhi erétics?" aie respondut: "Amaçatz lhi tuchi! Diu reconoisserè lhi siei!". A Besièrs lhi avia masque 220 Càtars.
  ▶  1209 - 1213 conquista de Carcassona e d'autri país del Lengadòc, après de lòngs assètges ente, lo mai di bòts, lhi Càtars que renunciavon ren a lor fe venion brusats. 
Lhi nòbles occitans son declarats faidits, es a dir fòrabandits dai lors territòris.
  ▶  genoier 1213, Raimond VI de Tolosa, per ren pèrder sas tèrras, se sotmet al rei Peire II d'Aragona, e nais n'estat que abarrona la gròssa part di país de lenga d'òc.
  ▶  setembre 1213 l'armada occitana-catalana, bèla que mai gròssa d'aquela di crosats, es batua a Murèth en Gasconha, e lo rei d'Aragona muer en batalha. 
Lo conte de Tolosa vai en exilh en Anglatèrra.
  ▶  1216 - 1224 Raimond VII, conte legíctim de Tolosa, desbarca a Marselha e taca mai a combàter, sostengut da la populacion dal país: dal temp que se tròba assetjat da Monfòrt a Bèucaire en Provença, la populacion de Tolosa se revòlta e líbera la vila. 
Dins l'assètge de Tolosa dal 1218 Monfòrt ven amaçat e après qualqui ans de batalhas tota la contea es liuraa.
  ▶  1226 crosada del rei de França: Luís VIII cala e conquista Carcassona e Avinhon, fòrabandís n'autre bòt lhi nòbles occitans da lors tèrras mas lhi la fai pas a préner Tolosa.
  ▶  1229 tractat de Meaux : lo conte de Tolosa perd lhi 2/3 de sa contea e deu mariar sa soleta filha abo lo filh dal rei de França e s'empenha a combàter lhi càtars. Bo tot aquò l'eresia càtara es encà viva e s'organiza dins de chastèls sus lhi Pireneus.
  ▶  1229 - 1252 : per combàter lhi erétics, en Occitània nais l'inquisicion e cheion ental vueit las derrieras revòltas di nòbles occitans, coma aquela del conte de Tolosa aliat bo Gascons e Aragonés. Ental 1241, a Avinhonet, venon amaçats lhi inquisitors e lo rei decid de far quitar l'eresia e assetja un pr'un lhi chastèls. 
Ental 1243 ven assetjaa la ròcafòrt de Montsegur, seti mai emportant de la gleisa càtara, que après 10 mes, lo 16 de març dal 1244, deu s'arrénder : degun di perfiechs renóncia a sa fe e venon brusats en 220 dins "lo prat dels cremats". Lo chastèl que dura de mai es aquel de Queribús que tombarè ental 1254.
  ▶  Ental 1292 la contea de Tolosa deven oficialament domeni de la França.

Las consequénças d'aqueste temp de guèrras (1209 - 1244) son:
  ▶ creis lo poder temporal e spiritual de la Gleisa en Lengadòc ;
  ▶ despareis lo catarisme al començament del sècle XIV ;
  ▶ s'eslarjon lhi territòri del rei de França e bo aquò creis lo poder real
  ▶ lhi país d'òc perdon l'autonomia, e passon sot lo contròtle de l'estat francés: lor estòria, d'aquí en anant, serè aquela de na part d'aquel estat ;
  ▶ bo lhi modèls de la cort de París, taca la decadença de la civiltat occitana (la lenga, la literatura, las arts ...);
  ▶ se perdon lhi liams que jonhion la Catalonha a l'Occitània.