Il cane e la luna d'estate - Poesia di Mario Fantino Griét

Autore
Mario Fantino Griét
Titolo in lingua
Lo chan e la luna d'istat
Tipologia testo
poesie
Argomento
Letteratura, poesia e leggende
Progetto realizzato da
Chambra d'Òc

Tratto da "Mario Fantino Griét - Poesias": raccolta di 12 poesie in lingua occitana della Valle Gesso (Rosachia) con audio letture e testi bilingue italino-occcitano in grafia classica  http://www.chambradoc.it/Mario-Fantino-Griet-Poesias.page

Il cane e la luna d'estate 

Il rio corre quasi fermo

e un'ombra gli sorvola le rive.

Un'aria tiepida fa muovere le alte punte dei roveri indorati.

Un mare di grilli canta assieme...

L'acqua chiara nel suo muoversi fa scherno alla luna.

Un gregge di stelle dorme nel suo letto superiore...

La pianura si abbandona al suo sonno stanco; 

sembra ferma in eterno la notte d'estate.

A destra del vallone abbaia un cane...

solo la luna lo vede dalla sua altezza...

I suoi latrati si perdono a valle...

Io e la luna ci perdiamo nel nostro cielo.

 

Traduzione

Lo riu al cor esquasi fèrm

e n'ombra ilh sorvòla las rivas.

N'ària tébla ilh fai bojar las autas puentas di rores endorats.

Un mar de grilhs al chanta ensem...

L'aiga chara ental se bojar ilh fai esquèrni a la luna.

Un caveal d'estèlas al duèrm ental se leit sobran.

La plana ilh chauma lo se sònh estanc;

ilh semilha fèrma en etèrn la nueit d'istat.

A dreita dal valon al japa un chan...

Masque la luna ilh lo ve dal se aut.

Lhi siei japars se perden aval...

Mi e la luna nos perdem ental nòstre cèl.