La lingua: l'occitano

Autore
Roberta Ferraris
Titolo in lingua
La lenga: l'occitan
Tipologia testo
dispense
Argomento
Storia e cultura
Progetto realizzato da
Chambra d'Òc

La lingua occitana, o lingua d'oc, deve il suo nome alla particella affermativa òc, derivata dal latino hoc est. Questo criterio per definire un idioma fu utilizzato da Dante, che distingueva la lingua d'òc da quella d'oil (da cui deriva il francese moderno) e dall'italiano che si esprime con il sì. Dante stesso, nella Divina Commedia riporta - unico brano del poema in lingua straniera - alcuni versi in occitano che mette in bocca al poeta trovatore Arnaldo Daniello (Arnaud Danièl, XII secolo), nel XXVI canto del Purgatorio. 

"Tan m'abellis vostre cortes deman, 
qu'ieu no me puesc ni voill a vos cobrire.
Ieu sui Arnaut que plor e vau cantan;
consiros vei la passada folor, 
e vei jausen lo joi qu'esper, denan.
Ara vos prec, per aquella valor
que vos guida al som de l'escalina, 
sovenha vos a temps de ma dolor!"

trad:
Tanto mi piace la vostra cortese domanda
che non mi posso né voglio nascondere a voi.
Io sono Arnaud che piango e vado cantando;
preoccupato vedo la passata follia,
e godendo vedo davanti a me la gioia che spero.
Ora vi prego, per quel valore 
che vi guida al sommo della scala, 
vi sovvenga, a tempo debito, del mio dolore!

La lingua occitana è dunque una lingua neolatina, centrale rispetto all'area di diffusione di tutte le lingue derivate dal latino: l'occitano, rispetto al francese moderno, è molto più simile alla lingua di Roma. La popolazione della Francia meridionale, allora nota come Gallia Narbonensis, era tra quelle romanizzate per prime, già in epoca repubblicana, a partire dal II secolo avanti Cristo. Nell'ambito delle lingue derivate dal latino, dette anche lingue romanze, l'occitano appartiene al sottogruppo delle lingue galloromanze, che include anche il francese, il francoprovenzale e il catalano.
Su 15,6 milioni di residenti nella Grande Occitania, la comunità linguistica che parla occitano conta oggi circa due milioni di persone a cui si aggiungono circa 7 milioni in grado di comprenderlo, nonostante che l'occitano, come tutte le lingue, si differenzi in varianti regionali che sono il guascone (gascon) a sud-ovest, il linguadociano (lengadocian) a centro-sud, il provenzale (provençau) a sud-est, il limosino (lemosin) a nord-ovest, l'alverniate (auvernhat) al centro-nord e il vivaro-alpino (vivaroaupenc) o occitano alpino a nord-est. Di quest'ultimo gruppo fanno parte le parlate delle valli alpine piemontesi, cui spesso i parlanti si riferiscono più semplicemente come «lenga nòstra», o «parlar a nòstra mòda ». Perché l'occitano è una lingua e non uno dei tanti dialetti? Fa la differenza la secolare tradizione letteraria scritta della lingua d'oc.

Traduzione

La lenga occitana, o lenga d'òc, deu son nom a la particèla afermativa òc, derivaa dal latin hoc est. Aqueste critèri per definir un idiòma foguet utilizat da Dante, que distinguia la lenga d'òc d'aquela d'oil (da la quala deriva lo francés modèrn) e da l'italian que s'exprim embe lo sì. Dante mesme, dins la Divina Comèdia repòrta - solet tròç dal poèma en lenga estrangiera - qualqui vèrs en occitan que buta en gola al poèta Arnaud Danièl (sècle XII) dins lo XXVI chant dal Purgatòri.

"Tan m'abellis vostre cortes deman, 
qu'ieu no me puesc ni voill a vos cobrire.
Ieu sui Arnaut que plor e vau cantan;
consiros vei la passada folor, 
e vei jausen lo joi qu'esper, denan.
Ara vos prec, per aquella valor
que vos guida al som de l'escalina, 
sovenha vos a temps de ma dolor!"

Tanto mi piace la vostra cortese domanda
che non mi posso né voglio nascondere a voi.
Io sono -Arnaud che piango e vado cantando;
preoccupato vedo la passata follia,
e godendo vedo davanti a me la gioia che spero.
Ora vi prego, per quel valore 
che vi guida al sommo della scala, 
vi sovvenga, a tempo debito, del mio dolore!

La lenga occitana es donc una lenga neolatina, centrala per rapòrt a l'àrea de difusion de totas las lengas derivaas dal latin: l'occitan, respèct al francés modèrn, es ben mai semblable a la lenga de Roma. La populacion de la França meridionala, al temp conoissua coma Gallia Narbonensis, era entre aquelas romanizaas per premieras, já en època republicana, a partir dal II sècle av. C. Dins l'encastre de las lengas derivaas dal latin, dichas decò lengas romanas, l'occitan aparten al sotgrop de las lengas galoromanas que enclui, decò lo francés, lo francoprovençal e lo catalan.
Sus 15,6 milions de residents dins l'Occitània Granda, la comunitat linguística que parla occitan còmpta encuei a pauc près dui milions de locutors, ai quals se jonton environ 7 milions en estat de lo compréner, ben que decò l'occitan, coma totas las lengas, se diferéncie en de variantas regionalas que son lo gascon a sud-oest, lo lengadocian al centre-sud, lo provençal al sud-est, lo lemosin al nòrd-oest, l'auvernhat al centre-nòrd e lo vivaro-aupenc o occitan alpin al nòrd-est. D'aqueste darrier grop fan part las parladas de las valadas alpinas dal Piemont, al qual sovent lhi parlants se riferisson mai simplament coma "lenga nòstra", o "parlar a nòstra mòda". Perque l'occitan es una lenga e non pas un di tanti dialècts? Fai la diferença la seculara tradicion literària escricha en lenga d'òc.