Couro paso l'istà

Autore
Janò Arneodo

Poesia in lingua occitana di Janò Arneodo (grafia Escolo dóou Po)
Monterosso Grana – Valle Grana

Passata l’estate

L’estate, tanto attesa,
passo passo, se n’è andata,
ben poco quello che ha lasciato:
un nome da tenersi più stretto,
piccole cose da stringere con affetto.

Rumori ed evasioni fan già parte del passato,
un giovane e una fanciulla più forte si sono baciati,
poi, lontano, quella dolcezza hanno portato.
Amore da per subito richiedere,
ti fa grande e ti scopre imbambolato.
Lontano, un bacio inizia a scolorire,
il ricordo rimane, ma ti fa soffrire.

Ora, osserviamo i lumi rimasi,
sopra di noi le stelle, avvolgendosi, non finiscono di giocare.
Quattro i lumi accesi, tante le stelle da osservare,
dicono chi è rimasto e chi lontano se n’è andato.

Traduzione

Couro paso l’istà

L’istà, que avien tan espetà,
fitou fitou, i é pasà,
gaire acò que i à paouzà:
en noum pu estrech da gardar,
pichote coze da estachar.

Rumour e sclentour aven jo desmentià,
en jouve e na fio pu fort se soun baizà
e, pei, luenh, aquelo dousour se soun pourtà.
Amour da per sùbit chamar,
te fai grant e te descuerp embamboulà.
Luenh, en poutoun pio a descoulourar,
lou ricort isto, ma te fai soufrar.

Uro, fermen-se a beicar i lume que soun istà,
i estele, envirouià, quìten nin de jouvar.
Catre i lume, prou i estele da triar,
dìen qui s’é fermà e qui, luenh, s’é espantià.

Comuni correlati