Lo derrier jarraç

Autore
Franco Bronzat

Estratto dal romanzo in lingua occitana “Lo derrier Jarraç” di Franco Bronzat (grafia normalizzata)
Roure – Valle Chisone

Lo derrier Jarraç

Capitolo Primo

Quello che sto per raccontare potrebbe sembrare a prima vista, come una cosa un po' semplice
ma che mi è sembrata per più di una ragione molto interessante. Penso che sia capitato a
tanta gente di trovarsi una sera a ragionare con qualcuno che ad un certo momento inizia a
raccontare la storia della sua vita, e in questo caso il discorso diventa sempre più interessante
via via che le ore passano, mentre la sua voce si fa sempre più rauca e stanca. Pioveva e
faceva freddo. Era una notte scura di fine estate e il racconto aveva interesse perché erano fatti
reali, capitati poco tempo prima. Il narratore raccontava ciò che gli era capitato in modo franco,
aperto, come se al mio posto ci fosse stato il suo più caro amico. In poche ore una complicità
si era creata, che può nascere fra due uomini solo se l'uno trova nelle parole dell'altro qualcosa
di utile, qualcuno che capisca le parole senza fare domande o dare consigli. Mi interrogavo
sul vero nome del luogo dove tutto questo era accaduto e su tutti gli altri - che ho indicato
tuttavia, con dei nomi di fantasia tranne che per le grandi città - nondimeno posso affermare
che fu in occasione di una camminata in alta montagna che mi aveva condotto a trascorrere
la notte in un rifugio vicino a una malga tenuta da una famiglia del posto. Ed era tardi nella
notte quando ho conosciuto quello che chiamerò Sandre Boquet nel racconto dei fatti che
seguiranno; l'ho visto da lontano, diritto sulla cresta della montagna, un cane dai peli lunghi
e rossi ai suoi piedi, un cane da pastore, mentre il sole tramontava in un ultimo raggio di
fuoco. Lui, la montagna ed il cielo. Mi è subito apparso come un simbolo, era l'ultimo jarraç
che di là, sfidava il mondo intero.
Tante cose come la stessa lingua, la stessa origine e pure la stessa vita dura delle montagne,
ci avevano uniti, allontanando la diffidenza, che in genere, è un ostacolo a simili incontri e
avevano fatto cadere la corazza di cui la vita aveva coperto quest’uomo.

nota: con il termine “jarraç”si intendono gli ultimi alberi che crescono in quota, là dove l’altitudine non permette più agli alberi di crescere rigogliosi.

Traduzione

Lo derrier Jarraç

Capitol 1

Çò que aicí ve contiarei, poeriá èsser un qualquaren al primier regard un pauc simple mas que per mai d'una rason m'a semblat bien enteressant. Penso que la siè capitat a bien de gent de passar una vèlhaa en bartavelent abó qualqu' un que, a un moment donat, comença de te contiar l'istòria de sa vita que dins aicest cas, dal temps que ilh se debana, ilh ven totjorn plus enteressanta man a man que las oras passan e la votz ilh se fai raucha e fatigaa. La ploviá e la fasiá freid. Era una nuèit de fins istat, escura e solestrosa e lo descors s'era charjat d'enterest perqué fait complit per dal bon e vesin dins lo temps. Lo contiaire expausava çò que li era arribat en maniera francha, dubèrta, comà se a la plaça de mi la li fosse istat l'amic plus fiat. Dins quèlas paucas oras s'era venguá crear una complicitat que pòl nàisser mesquè entre de òmes adont un tròba en l'autre un bon auvent a sas paraulas, un que compren sensa sul moment cherchar d'explicacions o donar de conselhs. Me queso sul verai nom dal luòc adont s'es passat tot aiquò comà dals autris - que pas mens ai nomat abó de noms de fantasiá - a part las grandas vielas; totun pòio dire qu'era dins l'ocasion d'una promenada faita en auta montanha qu'ilh m'aviá menat passar la nuèit dins un refuge pròche d'un alp tengut per una familha de l'endreit. Era la bass'ora quand ai conoissut quel que, dins l'expausacion dals faits que venaren, ai puèi demandat Sandre... Sandre Boquet ; l'ai vist de luènh, dreit sul crest de la montanha, abó a sos pès un chin de la borra lonja, rossa, un labrit, entrementier que lo solelh donava son darrier rais de fuòc. El, la montanha e lo ciel. M'a semblat subit un simbol, al era lo darrier jarraç que d'aiquíaut desfiava lo mond entier. Bien de chausas, comà la mesma lenga e en fin finala la mesma origìna dins la ruda vita de nòstras montanhas, nos avián totsuèita units en desbarassent perparelh la mesfiança que en genre fai barriera a de rescontres pariers e fait chaire la gruèlha sinhassuá que los aveniments avián fait charjar a cest òme.

Comuni correlati