Na pichòta paraula

Autore
Tavio Cosio

Poesia in lingua occitana di: Tavio Cosio (grafia normalizzata)
Melle – Valle Varaita

Una piccola parola

Un'edera pendula sui bordi della strada
lasciò vedere di sotto, ben scolpita

a grosse lettere sul piano di una roccia, 

una parola misteriosa, corta -OC-.

"Che cos'è" disse qualcuno colpito da meraviglia.

"E' il segno che qualcosa si sveglia

da queste parti" – alle spalle rispose

un uomo saggio e alto, un uomo barbuto. 

Ma alcuni giungendo su macchine
lunghe un miglio, hanno fatto delle facce dure
davanti a quei due graffiti: "Gli Occitani, 

ci rompono ormai le scatole...sti figli di cani...!"

Traduzione

Na pichòta paraula

Lo braçabòsc pengent al bòrd d'la via

a laissat veire sot, ben esculpia

a grandas litras sus lo plan d'un ròc

na paraula, enmascada, corta -ÒC-. 

"Qu,es aquò?" fai qualqu'un d'esmeravelha.

"Es lo senh que qualcòsa se desvelha

d'aquesti cants" - de darrier a respondut
n' òme grand e savi, n'òme barbut.

Me qualqu'uns, arribant sus de veituras
lònjas una milha, an fach de fachas duras
derant d'aquilhi dui grafits. "Lis Occitans

nos cassen já lhi paniers... sti filhs de chans...!"

Comuni correlati