As reis 'd la vido

Autore
Lucia Abello

Alle radici della vita

Sono tornata lungo i sentieri
dell'ultimo fieno...
Ho liberato la mulattiera
da massi e branche,
risalito declivi dilavati dall’acqua,
calpestato erba secca di anni,
estirpato l’aconito
che si espande lassù,
dove la terra
conosceva profumi
di estati laboriose,
ma la mia mano furtiva
–sfida dei miei anni verdi-
non ha cercato i mirtilli
nelle pietraie dei rettili...
...E tu eri lì,
oltre i confini dell’odio
in un tempo non ladro,
in mezzo ai prati,
aperti e puliti.
Nel cavo delle tue mani,
mi dissetavi
con l’acqua fresca
della nostra sorgente,
reliquia di un tratto di vita
La tua carezza paterna
leniva il dolore
inconfessato di orfana
di questi miei ultimi
trentacinque anni.

Traduzione

As reis d'la vido

Siou retournà chapuo i viol
d'la mountanho...
Ai poulidì la vio dei menòou
da bloc e branches,
mountà laouzieres lavà da l'aigo,
pistà la baoucho,
desreizà la toro
que s'eslarjo ilamoun,
entè la terro
counouisìo i proufum
d'istà sperchaseouzes,
ma la mio man da piatoun
-aisà dai mie ann de gariouno-
a pa sercà i azaire
din les carsieres des serp...
...E tu eres aquì,
d'lai les boines d'la mariezo,
'nt un temp que roubo niente,
al mes de prà
dubert e poulit.
'Ntal garp des toues man
me paraves la sè
abou l'aigo frescho,
de la nosto font,
arlìquio d'un toc de vido.
La touo careso de paire
calmavo la peno
mai dicho a degun de orfano
d'aquisti mie derier
trentosinc ann.

Comuni correlati