Lo Mèl

Autore
Tavio Cosio

Poesia in lingua occitana di: Tavio Cosio (grafia dell’autore)
Melle – Valle Varaita

Melle

Salendo in Val Varaita, a mezza valle
incontri un paese coperto di lose,
quattro piazzette, due chiese e un rio,
che sotto un ponte bisbiglia tante cose,
un campanile che insegna il paradiso.
O viandante... saluta il mio paese

Ho visto città e palazzi, ma il paese più bello,
cerca che cercherai, per me è sempre Melle.
Nell’avverso destino, nelle fortuna d’oro,
il paese dei tumin l’ho sempre portato nel cuore.

Alla fonte ben fresca, lassù al Titòt,
lassù sui pascoli attorno alle baite
senti una melodia di greggi
da tutti i luoghi dei nostri poveri Avi
tutto parla dei bei tempi lontano dagli amici.
O viandante... sauta il mio paese

Ho visto città e palazzi...

Traduzione

Lo Mèl

Muntond en Val Varacia, a mesa val
rescuntres en pais cübert de làuse,
catre piassette, due ghieise e 'n bial
che suta 'n punt besbéia tonte cose,
e 'n ciucherun che musta 'l paradis.
O viandant... salüta mìu pais.

Ei vist sità e palas, ma lu pais pi bel,
serca che sercaras, per mi l'é sempe lu Mel.
din lu marì destin, din la furtüna d'or,
lu pais di tumin l'ei sempe agü din lu cor
.

A la funtana ben fresca, amun al Titòt,
amun sì pastural danturn ai meire
na meludìa sentes d'Iscabot,
da tüci i escartun di nosti pòure reire
tut parla di biei temp dalogn di amis.
O viandant... salüta mìu pais.

Ei vist sità e palas, ma lu pais pi bel...

Comuni correlati